Sono oltre venti i partecipanti

Un Master per gestire i rifiuti radioattivi sanitari

Il corso di Master è stato avviato a ottobre 2015 dall'Università degli Studi del Piemonte Orientale, Dipartimento di Scienze della Salute

Stampa Home
Articolo pubblicato il 25/03/2016 alle ore 15:23.
Un Master per gestire i rifiuti radioattivi sanitari 2
Un Master per gestire i rifiuti radioattivi sanitari 2

Sono 26 e provengono da tutta Italia gli iscritti al Master in Manager Ambientale per la gestione del decommissioning e dei rifiuti radioattivi in ambito sanitario, e tra poco più di un mese entreranno nella fase "calda" del percorso di studio.

Dal 16 al 27 maggio, infatti, si svolgeranno contemporaneamente in tutti i Siti della società Sogin le 70 ore di esercitazione previste dal Master.

Il corso di Master è stato avviato a ottobre 2015 dall'Università degli Studi del Piemonte Orientale, Dipartimento di Scienze della Salute, in collaborazione con la Sogin, società di Stato responsabile dello smantellamento (decommissioning) degli impianti nucleari italiani e della gestione dei rifiuti radioattivi compresi quelli prodotti dalle applicazioni in campo medicale, industriale e della ricerca. Diretto dal professor Michele Arneodo, docente di Fisica presso la Scuola di Medicina UPO di Novara, il corso unisce 244 ore dilezioni teoriche a 70 ore di esercitazioni.

Le lezioni teoriche, svolte in modalità blended (in aula e in streaming diretto e differito) termineranno il 6 maggio 2016 con l’intervento del Presidente della Sogin, prof. Giuseppe Zollino, docente di Tecnica ed Economia dell’Energia Dipartimento di Ingegneria industriale dell’Università degli Studi di Padova, che illustrerà gli "Aspetti economici connessi alla chiusura del nucleare".

Le esercitazioni porteranno per due settimane i masteristi direttamente nelle centrali dismesse da Sogin: a Trino (VC), Saluggia (VC), Corso (PC), Trisaia (Rotondella, MT), Casaccia (Roma) e Latina. Lo svolgimento degli argomenti durante le esercitazioni sarà coerente con le tematiche tecniche sviluppate in aula. Il programma sarà reso, tra i vari Siti, il più omogeneo possibile, al fine di poter offrire le stesse opportunità per la successiva verifica dell’apprendimento dei discenti. Ogni giornata sarà dedicata ad argomenti tecnici specifici di natura operativa. Per accedere ai Siti Sogin saranno attuate le procedure autorizzative per l’ingresso ai Siti nucleari italiani imposte dalle Autorità.

Dopo il diploma di master, alcuni studenti avranno, grazie alla cooperazione di Università e Sogin, l’opportunità di seguire un tirocinio formativo presso le sedi della Società. I tirocini saranno attivati dal mese di settembre 2016, saranno rivolti a un massimo di 6 studenti fra i più meritevoli e avranno una durata massima di 6 mesi.

X

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport