Tam Tam: Omaggio a Shakespeare

Questa sera al teatro Civico spettacolo del laboratorio teatrale dei Licei Lagrangia, Rosa Stampa e Alciati.

Stampa Home
Articolo pubblicato il 20/05/2016 alle ore 10:07.
Tam Tam: Omaggio a Shakespeare  3
Tam Tam: Omaggio a Shakespeare 3

Questa sera, venerdì 20 maggio, appuntamento al Teatro Civico di Vercelli con "Sogno", il quinto spettacolo che Tam Tam Teatro realizza al termine di un nuovo anno passato con gli studenti del laboratorio teatrale dei Licei Lagrangia, Rosa Stampa e Alciati.

Elaborazione drammaturgica: Anna Jacassi
Regia: Anna Jacassi e Mario Sgotto
Scenografia e costumi: docenti e studenti del Liceo Artistico: V. Dosio, D. Fontanesi, I. Vitti, V. Beccuti, L. Iemmola, A. Putrino
Docenti referenti: R. Giublena, G. Vinci
In scena: A. Belinsky, R. Belotti, V. Bertolone, M. Blonda, A. Buffa, O. M. Caffi, I. Carenzo, E. Casagrande, M. Dabbene, G. Ferri, N. Galli, A. Gallina, C. Garbin, E. Geminardi, L. Iemmola, V. Krakovetska, Y. Mekni, A. Minieri, C. Monzardo, S. Palumbo, A. Savino, M. Surbone, V. Targino, M. Tariki, R. Zafarana
Ingresso libero.
Dalle ore 20,30 saggio del Liceo Musicale, performance del laboratorio di espressione corporea, spettacolo "Sogno".

Quattrocento anni dalla morte di Shakespeare, centosessanta dalla nascita di Freud… forse così è nato il tema, filo conduttore del nostro spettacolo: il sogno.
Immagini e suoni apparentemente reali, cambi improvvisi, ubicazioni illogiche, concatenazioni di eventi distanti.
Ecco allora che i personaggi shakespeariani si incontrano con quelli di Teocrito, Plauto, Molière, Goldoni, Benni, si muovono dentro ad una nuova drammaturgia che ricama la sua trama toccando grandi autori della tradizione e cogliendo anche elementi di modernità.
Gli stimoli, perfino d’attualità, vengono rimaneggiati e posti in una continuità ordinata da regole diverse da quelle del pensiero cosciente.
Nell’Atene antica suona uno smartphone, arrivano le telecamere e le fate si chiamano Winx.
Un percorso irrazionale che lascia alla fantasia anche l’elaborazione di situazioni magiche e fiabesche.
Sogni di adolescenti alle prese con amori effimeri, false amicizie, rapporti superficiali, conflitti generazionali…
Lo spettacolo è l’esito di un lungo e articolato impegno teatrale di laboratorio, dove gli studenti hanno incontrato illustri autori, dando luogo ad una esperienza formativa, educativa e divertente.
Una piccola comunità teatrale vi offre un sogno. Può comunicare qualcosa che non si sta dicendo completamente. Può generare nuove idee: alcune di queste possono essere rifiutate dalla mente come inutili, altre possono essere viste come preziose e mantenute.

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport