SESSO CON ANIMALI: anche il Vercellese nell'inchiesta

Stampa Home
Articolo pubblicato il 16/09/2016 alle ore 11:22.
SESSO CON ANIMALI: anche il Vercellese nell'inchiesta 2
Il logo dell'associazione che ha denunciato gli abusi

L'avevamo scritto sul giornale mesi fa, e qualcuno aveva storto il naso, in un cascinale del Vercellese si svolgevano orge con l'abuso di animali anche per la realizzazione di film porno, e l'AIDAA aveva depositato regolare denuncia alla Procura di Aosta, dopo 9 mesi l'apertura ufficiale di un fascicolo. Ecco il comunicato inviatoci dall'associazione-

"Sono passati esattamente 9 mesi e quattro giorni da quando abbiamo presentato una denuncia alla Procura della Repubblica di Aosta in merito ad incontri sessuali con animali organizzati attraverso contatti presi su un forum e attraverso alcune chat erotiche collegate a siti pornografici di sesso con animali visibili anche ai bambini. E' di questa mattina la comunicazione della Procura della Repubblica di Aosta con la quale ci informa di aver aperto un fascicolo di indagini (numerato 632/2015) e con la quale annuncia di aver demandato al locale comando del corpo forestale dello stato le indagini e contemporaneamente chiede di fornire la documentazione in nostro possesso entro la fine del mese cosa che ovviamente faremo con immenso piacere. La denuncia era scattata dopo i controlli effettuati e le segnalazioni che parlavano di rapporti sessuali con animali organizzati in diverse località del Piemonte (in particolare nelle province di Vercelli, Novara, Vco) e della provincia di Aosta. Il sito, secondo l'esposto presentato e firmato dal presidente di AIDAA Lorenzo Croce, metteva in contatto persone che poi si radunavano per compiere atti sessuali, e vere e proprie orge con l'uso di animali in particolare cani e cavalli di proprietà che vengono usati in un vero e proprio scambio di coppia. Ora la procura apre un fascicolo di inchiesta e forse si potrà finalmente svelare i nomi dei responsabili di questa porcheria e portarli davanti a una corte di giustizia".

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport