SALUTE: Lavare il pollo crudo può diffondere il Campylobacter

Stampa Home
Articolo pubblicato il 21/08/2017 alle ore 10:44.
SALUTE: Lavare il pollo crudo può diffondere il Campylobacter 3
Immagine di repertorio

Lavare il pollo prima di cuocerlo e consumarlo: è davvero una buona abitudine? Sono molte le persone che, prima di metterla in forno o in padella, passano la carne sotto l’acqua. Ma la Food Standards Agency del Regno Unito lancia l’allarme, richiamato in Italia dall’associazione “Sportello dei diritti”: lavare il pollo crudo potrebbe favorire la diffusione del batterio Campylobacter. Si tratta di un batterio capace di resistere con scarsa presenza di ossigeno, che predilige le temperature alte, fra i 30 e i 47 gradi, ma resiste al congelamento. È invece sensibile all’essiccazione. Il rischio che si corre lavando il pollo è quello di diffondere tale batterio, che si può trovare nella carne,  “spargendolo” sulle mani, sulla cucina e sui vari strumenti. La “campylobatteriosi” può portare febbre, dolori addominali, nausea e diarrea. Sarebbe meglio, dunque, limitare al minimo il contatto diretto con il pollo crudo: la cottura, di per sé, è già un potente battericida.

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport