PUBBLICI ESERCIZI: Addio licenza per gli alcolici

Stampa Home
Articolo pubblicato il 18/09/2017 alle ore 11:14.
COMMERCIO: Addio licenza per gli alcolici 3
COMMERCIO: Addio licenza per gli alcolici 3

Una bella notizia per chi ha in mente di aprire un pubblico esercizio con somministrazione di alcolici, non dovrà più perdere tempo a richiedere la licenza UTF che è stata abolita, come spiega nella seguente circolare la F.I.E.P.e T., Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici.

Nelle disposizioni del DDL Concorrenza, approvato in lettura definitiva dal Senato, tra i vari provvedimenti c’è anche l’abolizione della licenza UTF per la vendita di sostanze alcoliche nei pubblici esercizi, manca solo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale e finalmente come FIEPET auspicava, un’altro passo avanti verso la semplificazione e stato compiuto.

Non sarà più necessaria alcuna licenza per vendere alcolici nei Pubblici Esercizi. La vecchia licenza fiscale UTF è stata abolita, pertanto l’obbligo di richiedere all’Agenzia delle Dogane l’autorizzazione per la vendita o la somministrazione di bevande alcoliche non sarà più necessaria. FIEPET riconosce come un passo avanti nella sburocratizzazione è stato compiuto, siamo ancora lontani dalle aspettative che la categoria si pone ma iniziamo a fare il primo passo in avanti. Il comma 179 dell’art. 1 ha modificato l’art. 29 del D.Lgs. 504/1995 (T.U. sulle accise) escludendo esplicitamente dall’obbligo di richiedere l’Utif gli esercizi pubblici, gli esercizi di intrattenimento al pubblico, gli esercizi ricettivi ed i rifugi alpini. Già dal 1999 non vi era più l’obbligo di pagare il diritto annuale riferito alla licenza UTF, però si doveva comunque procedere alla richiesta della licenza ed alla sua conservazione per i vari controlli.

Con questa modifica, FIEPET ritiene che sia stato fatto solo un piccolo passo, ma l’obiettivo sarà quello di continuare l’opera di semplificazione degli adempimenti amministrativi iniziata col Governo ormai da alcuni anni. 

FIEPET resta a disposizione dei propri associati per qualsiasi chiarimento sulle disposizioni e provvederanno a comunicare l’avvenuta pubblicazione del testo sulla Gazzetta Ufficiale, termine da cui decorrerà l’entrata in vigore il disposto.

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport