Prorogate le iscrizioni all'Upo

Stampa Home
Articolo pubblicato il 30/09/2016 alle ore 19:50.
Prorogate le iscrizioni all'Upo 3
Prorogate le iscrizioni all'Upo 3

In seguito alle code pazzesche di studenti in attesa di iscriversi ai corsi di laurea dell'Università del Piemonte Orientale è arrivata l'asttesa proroga dei termini, con limitate eccezioni. Il boom di iscrizioni è senza dubbio un'ottima notizia per l'Ateneo che ogni anno si piazza ai primissimi posti delle classifiche universitarie specialmente per la qualità e quantità della ricerca, ma anche per i servizi rivolti agli studenti. Ecco il comunicato ufficiale:

"Il Rettore dell’Università del Piemonte Orientale ha deciso di prorogare i termini per le immatricolazioni e le iscrizioni, per l’anno accademico 2016-17, fino a venerdì 14 ottobre 2014. La proroga riguarda le immatricolazioni ai corsi di laurea triennale e di laurea magistrale a ciclo unico e le iscrizioni agli anni successivi al primo. Fino al 14 ottobre, pertanto, gli studenti potranno iscriversi senza il pagamento di alcuna mora.

SONO ESCLUSI DALLA PROROGA:
1) Il corso di laurea triennale in Biotecnologie. Le immatricolazioni continuano fino a raggiungere i 600 immatricolati entro e non oltre il 14 ottobre. Occorre compilare il form disponibile al link http://bit.ly/FormBIOTECUPO
2) Il corso di laurea triennale in Economia aziendale e i corsi di laurea magistrale a ciclo unico in Farmacia e Chimica e Tecnologia Farmaceutiche. Coloro che si sono pre-immatricolati entro le ore 24 di oggi possono perfezionare la procedura entro il 14 ottobre.
3) Il corso di laurea triennale in Scienze biologiche. Le immatricolazioni continuano fino a raggiungere i 500 immatricolati entro e non oltre il 14 ottobre. Occorre compilare il form disponibile al link http://bit.ly/ImmScienzeBioUPO
Saranno considerate le richieste pervenute in ordine cronologico fino al raggiungimento del tetto indicato.
Per questi corsi non saranno accettate domande di passaggio o di trasferimento in ingresso al primo anno".

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport