Pro Vercelli, Massimo Secondo: "Speravo di essere già salvo..."

Stampa Home
Articolo pubblicato il 29/04/2016 alle ore 22:13.
Pro Vercelli, Massimo Secondo: "Speravo di essere già salvo..." 3
Massimo Secondo

Poco fa il presidente della Pro Vercelli, Massimo Secondo, ha rilasciato un’intervista alla testata giornalistica online “TuttoB.com”. Eccone alcuni stralci. “Stiamo attraversando un buon momento sotto il profilo della condizione fisica e mentale... Lo abbiamo dimostrato con l'Avellino e, in precedenza, a Terni, disputando, in entrambi i casi, una ripresa migliore del primo tempo... A Terni abbiamo ribaltato il risultato, mentre con l'Avellino, dopo aver incassato il pareggio, abbiamo avuto la forza di riportarci in vantaggio, vedendoci inspiegabilmente annullato un gol parso regolarissimo... Comunque, ho grande fiducia nella squadra e lunedì mi aspetto molto... Su un campo difficile... Sono certo che non usciremo da Cesena a mani vuote...” – “Scazzola era un esordiente tra i professionisti e riuscì subito nell'impresa di vincere il campionato di Lega Pro. Nel secondo anno della sua gestione, invece, ci ha salvato in serie B... Foscarini è un tecnico di rara esperienza nel torneo cadetto... Più volte si è trovato invischiato nella bagarre per non retrocedere... Sotto questo aspetto può trasmettere ai giocatori un contributo importante in termini di esperienza, nonchè di capacità di lettura e gestione di certe situazioni... Poi è chiaro che sono i giocatori a scendere in campo... Il destino di una squadra è nelle loro mani... Io, comunque, come dicevo poc'anzi, nutro grande fiducia nella squadra...” – “Se Marchi avesse segnato i gol della passata stagione, probabilmente saremmo a lottare per altri obiettivi... Decisamente più ambiziosi... Ho grande stima per Marchi, come uomo ed attaccante... Sono convinto che porterà un prezioso contributo alla causa della salvezza in questo scorcio finale di stagione... Sicuramente, per un attaccante non è mai facile ripetersi... Basti vedere, ad esempio, il caso di Cocco del Pescara, che l'anno scorso ha fatto sfracelli a Vicenza... Anche lui non si è ripetuto...” – “L'obiettivo di partenza era la salvezza. Sono fermamente convinto che ci salveremo... Al momento siamo in linea con i propositi iniziali... Resto, altresì, dell'idea che la rosa allestita quest'anno sia più forte di quella dell'anno scorso... Onestamente, mi aspettavo di salvarmi con qualche giornata di anticipo... I ragazzi, comunque, hanno dato tutto... C'è un po' di rammarico perchè, obiettivamente, abbiamo dissipato troppi punti, che ci avrebbero garantito, per l'appunto, una salvezza tranquilla ed anticipata... Senza esagerare, potevamo avere 10 punti in più in classifica ed essere appaiati al Perugia... Era nelle nostre corde e nelle nostre potenzialità... Detto questo, ribadisco che ci salveremo ed il prossimo anno questo gruppo, la cui intelaiatura vogliamo confermare in larga parte, farà molto meglio...” – “Quello di Cesena è indiscutibilmente un campo difficile... Sappiamo cosa ci aspetta... Ci sarà una grande cornice di pubblico... Mi pare di aver letto che al "Manuzzi" saranno presenti circa 15.000 spettatori... Andremo là con l'umiltà necessaria e doverosa quando si affronta una squadra forte e blasonata come il Cesena... A costo di essere noioso, però, dico che faremo una prestazione importante e resto convinto che porteremo a casa qualche punto... Certo, ci vorrebbe anche un pizzico di buona sorte... Abbiamo pagato dazio alla fortuna troppe volte... E' tempo di invertire la rotta...”

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport