Oltre 600 visitatori per le mostre di Gianinetti

Stampa Home
Articolo pubblicato il 23/04/2016 alle ore 19:37.
Oltre 600 visitatori per le mostre di Gianinetti 3
Alcune opere di Roberto Gianinetti in S. Vittore

Più di 600 persone hanno visitato la mostra “Annunciazioni” di Roberto Gianinetti nella chiesa di San Vittore e molto bene sta anche andando l'esposizione “Soft Machine” al Museo Borgogna con le rilievografie in bianco, primizia internazionale perché è raro vedere grandi formati realizzati con questa tecnica incisoria “in bianco” dove invece degli inchiostri la matrice crea il rilievo. I due percorsi espositivi sono legati ed insieme costituiscono di fatto la “consacrazione” locale di Gianinetti, che a livello internazionale è fra gli incisori italiani contemporanei più apprezzati e un'autorità nell'ambito del “libro d'artista” di cui è interprete raffinato ma anche inserito nella comunità mondiale di questa forma d'arte, tanto è vero che l'anno scorso ha importato a Vercelli e in altre località la “Triennale di Vilnius” e sta preparando per giugno una mega collettiva di 80 artisti ad Acqui Terme, dal titolo “Acqua e fango” con prestigioso catalogo. Tornando all'evento vercellese lunedì 25 aprile, per l'apertura straordinaria del Museo Borgogna, Gianinetti intorno a mezzogiorno sarà disponibile per visite guidate alla mostra.

Il progetto vede la collaborazione dell'ufficio Beni Culturali della Diocesi di Vercelli, del Museo Leone e del Lions Club, in quanto la rassegna ha anche un aspetto benefico, dalla vendita del prestigioso catalogo e da opere messe a disposizione dall'artista, verranno ricavati fondi per il progetto di donazione di un cane per ciechi addestrato (valore 15.000 euro) all'Unione Ciechi che lo destinerà per un non vedente. Le mostre si chiuderanno l'8 di maggio con un laboratorio di incisione per il pubblico al Museo Borgogna, inserito nel programma della rassegna “L'arte si fa sentire”.

Leggi il testo approfondito sulle due mostre: http://www.notiziaoggivercelli.it/pages/nella-bottega-di-roberto-gianinetti-148.html

 

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport