NUOTO PROIBITO per disabili e anziani

Stampa Home
Articolo pubblicato il 27/10/2016 alle ore 17:43.
NUOTO PROIBITO: La Lega Nord bacchetta la maggioranza 3
Immagine di repertori di attività terapeuttiche in piscina

A Consiglio Comunale ancora in corso la Lega Nord prende posizione sulla bocciatura della proposta presentata dal Capogruppo Alessandro Stecco.

Per il Carroccio vercellese questa "è l'ennesima dimostrazione di un'amministrazione molto disattenta verso le necessità reali dei suoi cittadini". 

La presa di posizione prosegue in questo modo: "Abbiamo proposto che il Comune supporti economicamente e/o organizzativamente le famiglie che sono costrette a trasferte in altre città per far nuotare i bambini, gli anziani, i disabili, o che per gli extracosti hanno rinunciato alle costose trasferte e quindi al ruolo del nuoto e della ginnastica in acqua per lo sviluppo della psicomotricità dei figli o per le terapie in acqua.

Insomma niente da fare, il Sindaco, il Capogruppo PD, e l'Assessore hanno affermato che non ritengono di dover accolarsi questa incombenza, e di fatto i vercellesi dovranno aspettare altri anni (se ne riparla per dopo il 2019, se va bene), dopo quasi 3 anni di chiacchiere e promesse da parte di chi tra l'altro ha vinto le elezioni promettendo una piscina .
Nel frattempo, chi puo' permetterselo va a Novara o a Casale, ..e chi non puo'? Un'intera generazione di bambini sta perdendo la possibilità di imparare a nuotare. Stiamo parlando di circa 1000 utenze vercellesi del precedentemente aperto Centro Nuoto, 600 dei quali minori che praticano il nuoto privatamente o per motivi scolastici.
Ora i cittadini sanno chi ringraziare, inoltre le petizioni evidentemente non fanno ne' caldo ne' freddo, dato che nemmeno dopo tanti soldi spesi in progetti discutibili e contestatissimi, la SInistra Vercellese non ritiene di dover spendere qualche decina di migliaia di euro per aiutare davvero i propri cittadini a proseguire le attività natatorie".

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport