Lavoro nero nel campo: denunciato 66 enne

Stampa Home
Articolo pubblicato il 28/07/2017 alle ore 12:30.
Lavoro nero nel campo: denunciato 66 enne 4
foto di repertorio

Sfruttava il lavoro di sei extracomunitari. Per questo è stato denunciato un Borgodalese di 66 anni, tale A.D. Lo hanno preso lo scorso 25 luglio, a Borgo d’Ale, i militari della Stazione Carabinieri di Cigliano ed i colleghi del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Vercelli. E' stato altresì riconosciuto responsabile di intermediazione illecita. La denuncia è scattata al termine di un articolato servizio di osservazione e controllo appositamente predisposto nell’ambito delle attività di contrasto allo sfruttamento di lavoratori stranieri, in un appezzamento nel comune di Borgo d’Ale: qui i carabinieri hanno sorpreso quattro cittadini senegalesi mentre erano intenti a raccogliere ortaggi nel terreno agricolo di proprietà del 66enne, contestualmente bloccato, il quale li aveva reclutati “in nero”. Nel frangente, i militari hanno appurato che due erano richiedenti asilo ed ospiti della struttura di accoglienza ubicata in quel Comune ed altri due erano irregolari sul territorio nazionale per scadenza dei termini per il ricorso avverso la mancata concessione dell’asilo. Gli ulteriori immediati approfondimenti investigativi, esperiti mediante lo sviluppo di concordanti dichiarazioni testimoniali e la disamina di documentazione contabile, permettevano altresì di accertare che il 66enne A.D.: approfittando del loro stato di bisogno, aveva reclutato anche altri due richiedenti asilo, entrambi originari del Burkina Faso; aveva sfruttato gli extracomunitari elargendo loro retribuzioni minime, palesemente difformi da quelle previste dai contratti collettivi nazionali e sproporzionate alla quantità e qualità del lavoro prestato, sottoponendoli a condizioni di lavoro e situazioni degradanti in violazione delle norme in materia di sicurezza ed igiene nei luoghi di lavoro.

I quattro richiedenti asilo sono stati ricondotti presso la struttura di accoglienza di Borgo d’Ale mentre i due stranieri irregolari venivano invitati a presentarsi presso la locale Questura per gli adempimenti di rito. Nei confronti di A.D. venivano infine contestate sanzioni amministrative per l’importo di 18.000,00 euro

 

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport