INCENERITORE: Esposto dei Cinque Stelle alla Procura di Torino

Stampa Home
Articolo pubblicato il 04/04/2017 alle ore 15:58.
INCENERITORE: Esposto dei Cinque Stelle alla Procura di Torino 3
Gianpaolo Andrissi al palazzo di giustizia di Torino

L'inceneritore di Vercelli è responsabile dell'aumento dei malati di tumore nel Vercellese? Secondo il Movimento 5 Stelle non ci sono dubbi, tanto che è stato depositato martedì 4 aprile, presso la Procura di Torino un esposto in cui si evidenziano le correlazioni con l'insorgenza di tumori (+60%, fonte ARPA) e "l'immobilismo della Giunta Chiamparino". I dati citati si riferiscono al famoso "rapporto" che nel 2015 costò di fatto la rimozione del direttore Cuttica.

Ecco il testo della nota del Movimento, firmata da Gianpaolo Andrissi, Consigliere regionale; Mirko Busto, deputato M5S; Michelangelo Catricalà, Consigliere comunale M5S Vercelli

L'esecutivo regionale si è rivelato totalmente inaffidabile – commenta Gianpaolo Andrissi – non è intervenuto in maniera adeguata in seguito ai terrificanti dati emersi dallo studio ARPA del 2015. Nel documento scientifico è stata infatti evidenziata la correlazione tra inceneritore e aumento di patologie tumorali (polmone + 180% e colon +400%) sulla popolazione). L'unico intervento di questa Giunta ha riguardato l'istituzione di un inutile <> riunitosi appena 2 volte senza partorire nemmeno un documento supportato dalla benché minima evidenza di natura scientifica. L'assessore alla Sanità Saitta si è spinto anche oltre, arrivando ad attribuire eventuali responsabilità anche all'abbruciamento di stoppie da parte degli agricoltori. Come se ciò avvenisse solo a Vercelli e non anche in altre parti del Piemonte in cui però non è stato evidenziato un tasso così alto di tumori.

Una copia dell'esposto – aggiunge Mirko Busto, deputato M5S – è stata immediatamente inviata alla Commissione parlamentare speciale sugli illeciti del ciclo dei rifiuti. E' stata acquisita insieme agli altri documenti precedentemente trasmessi per analizzare al meglio questo caso vergognoso”.

Il Movimento 5 Stelle mantiene le promesse fatte con i cittadini di Vercelli – rimarca Michelangelo Catricalà, Consigliere comunale M5S – avevamo infatti garantito il nostro impegno ad esporre il caso in Procura. Speriamo sia fatta piena luce in quanto è assurdo pensare, come fa qualcuno, che questi dati siano attribuibili unicamente all'abbruciamento delle stoppie ed al traffico veicolare”

 

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport