Immigrato irregolare e pizzaiolo in "nero", espulso

Stampa Home
Articolo pubblicato il 29/04/2016 alle ore 09:33.
Immigrato irregolare e pizzaiolo in "nero", espulso 2
Immagine di repertorio

La Guardia di Finanza agisce giornalmente anche in Piemonte con operazioni soprattutto mirate a contrastare l'evasione e altri fenomeni illeciti come il lavoro nero. E' il caso dei Finanzieri della Compagnia di Bra, i quali, nell’ambito dei servizi diretti al contrasto del lavoro “nero”, hanno verificato in una pizzeria di Cuneo un cittadino egiziano intento alla preparazione delle pizze, risultato impiegato nell’attività senza un regolare contratto di assunzione, nonché presente clandestinamente sul territorio nazionale. All’esito del controllo il datore di lavoro è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Asti per aver impiegato un lavoratore straniero privo di regolare permesso di soggiorno, violazione sanzionata penalmente con la reclusione da sei mesi a tre anni più 5.000 euro di multa per ogni lavoratore clandestino impiegato. Sono state inoltre elevate le relative sanzioni amministrative in materia di lavoro irregolare con importi da 6.500 a 36.000 Euro. A carico del lavoratore extracomunitario è, invece, stato successivamente emesso un Provvedimento di espulsione dal territorio nazionale.

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport