Getta la pistola nei rifiuti: 76enne nei guai

Stampa Home
Articolo pubblicato il 09/10/2017 alle ore 17:34.
Getta la pistola nei rifiuti: 76enne nei guai 2
Getta la pistola nei rifiuti: 76enne nei guai 2

A molti sarà già capitato, almeno una volta, di vedere, gettati tra i rifiuti oggetti di ogni genere, alcuni effettivamente piuttosto “strani”. Immaginabile dunque lo stupore del personale addetto alla raccolta, che in un cassonetto hanno rinvenuto parti di una pistola. Immediata la chiamata ai Carabinieri del Capoluogo che sono giunti sul posto con personale dell’Aliquota Operativa del N.O.R. ed hanno recuperato i pezzi dell’arma. Effettuati gli accertamenti sulla matricola, è emerso che il possessore, un 76enne della provincia, intenzionato a disfarsi del revolver, regolarmente detenuto, ha pensato bene di farlo a pezzi e gettarlo come un normale rifiuto. L’improvvido possessore dovrà ora giustificare alla magistratura non solo il fatto di avere cambiato la propria residenza e, di conseguenza, il luogo di regolare detenzione dell’arma senza averne dato alcuna comunicazione alle autorità competenti ma anche e soprattutto il perché abbia deciso di disfarsi dell’oggetto con modalità così “inconsuete”.

Il Comando Provinciale dei Carabinieri di Vercelli rammenta a tutti i cittadini che l’acquisto e la detenzione di un’arma costituisce una grossa assunzione di responsabilità, soggetta a specifiche norme di legge, che hanno lo scopo di mantenere sotto il controllo dell’Autorità Pubblica i titolari dell’arma ed i luoghi di custodia.

In caso di smarrimento o furto di armi o parti di esse, così come nel caso di rinvenimento, occorre farne immediata denuncia al più vicino comando dell’Arma o Ufficio di Pubblica Sicurezza. Inoltre, quando si ritenga di volersi disfare di un’arma, che sia essa legalmente detenuta o che sia stata ereditata o rinvenuta all’interno di una casa già abitata da un parente deceduto, si raccomanda di NON gettare l'arma in un fiume, nel cassonetto anche smontata o tagliata a pezzetti ecc.., si rischia che questa possa finire nelle mani di delinquenti o di chi, incapace di maneggiarla, potrebbe procurarsi o procurare a terzi delle lesioni, anche estremamente serie e, non ultimo, di esporsi a rilevanti guai giudiziari. Contattate le Forze di Polizia che procederanno ad acquisirla direttamente presso la vostra abitazione e ad attivare l’iter corretto per il suo smaltimento.

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport