Fiaccolata per l'ospedale: un successo

Stampa Home
Articolo pubblicato il 14/07/2016 alle ore 21:56.
Fiaccolata per l'ospedale: un successo 4
Fiaccolata per l'ospedale: un successo 4
Fiaccolata del 14 luglio 2016 per l'Ospedale S. Andrea di Vercelli

La manifestazione indetta dalla Lega Nord per protestare contro i tagli e lo svilimento del nostro ospedale ha avuto successo per i metri vercellesi, 200-300 persone con le fiaccole in mano si sono riunite davanti all'ospedale Sant'Amdrea. Doveva essere un momento di "assordante silenzio", in attesa di più rumorose proteste anche a Torino, come annunciato dai promotori, ma qualche coro da stadio "La Forte dov'è?, la Forte dov'è?" c'è comunque stato. In effetti l'assenza del Sindaco di Vercelli è stata rilevante anche se la protesta partiva da una forza politica avrebbe potuto farsi vedere. All'appuntamento non è mancato il presidente dell'Ordine dei Medici Pier Giorgio Fossale che ha ripetuto i suoi concetti "Tagli indiscriminati per la Sanità non hanno senso" e che ci sarebbe stato "Anche se la fiaccolata la proponeva il Pd". In effetti l'invito che è salito dalla manifestazione è stato quello dell'unità di un territorio per non farsi privare di quel che rimane della sanità pubblica. Presenti molti sindaci di area leghista del nostro territorio. Le parole a nostro avviso più calzanti le ha pronunciate il Sindaco di Gattinara: "Per una città come Vercelli dovevamo essere in migliaia... non in poche centinaia, quando tornate a casa ditelo ai vostri vicini: La prossima volta venite anche voi". Il bilancio è comunque positivo, lo ripetiamo, una mobilitazione così a Vercelli non è cosa comune.

Fiaccolata per l'ospedale: un successo 5
Fiaccolata per l'ospedale: un successo 6
Fiaccolata per l'ospedale: un successo 7
Fiaccolata per l'ospedale: un successo 8
Fiaccolata per l'ospedale: un successo 9
Fiaccolata per l'ospedale: un successo 10
Fiaccolata per l'ospedale: un successo 11
Fiaccolata per l'ospedale: un successo 12
Fiaccolata per l'ospedale: un successo 13

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport