EVADE 7 MILIONI: nei guai concessionario auto

Stampa Home
Articolo pubblicato il 24/11/2016 alle ore 10:14.
EVADE 7 MILIONI: nei guai concessionario auto 3
EVADE 7 MILIONI: nei guai concessionario auto 3

Nella vicina Casale Monferrato la locale Compagnia della Guardia di Finanza, nell’ambito della consueta attività di contrasto all’evasione fiscale, ha concluso, per il periodo 2011/2015, una verifica fiscale nei confronti di una ditta individuale di concessionaria auto. L’attività ispettiva, scaturita da input investigativi acquisiti tramite l’utilizzo delle banche dati in uso al Corpo, ha permesso di rilevare lo status di “evasore totale” del contribuente che, negli anni 2011, 2012 e 2013, non ha presentato le previste dichiarazioni ai fini delle Imposte sui Redditi, dell’I.V.A. e dell’I.R.A.P. Nonostante l’omessa esibizione dei documenti e dei registri contabili obbligatori, i finanzieri sono riusciti ugualmente a ricostruire la posizione fiscale dell’impresa. Ciò grazie al ricorso alla procedura delle indagini finanziarie, che ha reso possibile rilevare ricavi nascosti al Fisco pari ad oltre 7 milioni di euro, sui quali sarebbero gravate un’I.R.P.E.F. ed un I.R.A.P. evase per circa 2 milioni di euro, nonché un’I.V.A. dovuta e non versata quantificata in circa 1 milione euro. La verifica ha, inoltre, permesso di riscontrare, da parte del contribuente verificato, nel corso degli anni 2012 e 2013, l’emissione di fatture per operazioni inesistenti per oltre 3 milioni di euro. Gli atti della verifica sono stati inviati all’Agenzia delle Entrate per il recupero dei tributi evasi e l’irrogazione delle sanzioni. Al menzionato ufficio finanziario è stata, altresì, proposta l’adozione di opportune misure cautelari da applicarsi sul patrimonio nella disponibilità del verificato. Il titolare della ditta individuale è stato, inoltre, deferito all’Autorità Giudiziaria per le ipotesi di reato di dichiarazione infedele, omessa dichiarazione e occultamento o distruzione di scritture contabili.

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport