Due fratelli latitanti arrestati dai Carabinieri di Livorno Ferraris

Stampa Home
Articolo pubblicato il 14/11/2016 alle ore 18:34.
Due fratelli latitanti arrestati dai Carabinieri di Livorno Ferraris 3
Due fratelli latitanti arrestati dai Carabinieri di Livorno Ferraris 3

L’11 novembre, in Torino, a conclusione di articolata attività di ricerca, i militari della Stazione Carabinieri di Livorno Ferraris arrestavano M.R. 58enne, già residente in Livorno Ferraris ma di fatto senza fissa dimora, gravato da pregiudizi penali per reati conto il patrimonio, in ottemperanza ad un provvedimento coercitivo emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Vercelli, dovendo espiare la pena residua di 8 mesi di reclusione e di 300 euro di multa perché responsabile di concorso in ricettazione, commessa in Livorno Ferraris nel 2010. L’arrestato, espletate le formalità di rito, veniva associato alla Casa Circondariale “Lorusso e Cutugno” di Torino a disposizione dell’A.G. mandante. Il successivo 12 novembre, ancora in Torino, a conclusione di articolata attività di ricerca, i militari della Stazione Carabinieri di Livorno Ferraris arrestavano M.R. 44enne, già residente in Livorno Ferraris ma di fatto irreperibile, gravato da pregiudizi penali per reati contro il patrimonio ed in materia di stupefacenti, perché catturando in esecuzione di un provvedimento coercitivo emesso dalla Procura della Repubblica di Vercelli, dovendo espiare la pena di un anno e 2 mesi di reclusione nonché la multa di 480 euro per concorso in ricettazione e furto aggravato, commessi in Livorno Ferraris nel 2010. I militari operanti, a conclusione di un servizio di osservazione predisposto a seguito dello sviluppo di notizie fiduciarie in merito alla possibile presenza del predetto in Torino, lo individuavano traendolo in arresto presso l’abitazione della sorella. L’arrestato, espletate le formalità di rito, veniva associato alla Casa Circondariale “Lorusso e Cutugno” di Torino a disposizione dell’A.G. mandante.

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport