Donne: 55 femminicidi dall'inizio dell'anno

Stampa Home
Articolo pubblicato il 02/06/2016 alle ore 16:39.
Donne: 55 femminicidi dall'inizio dell'anno 3
Donne: 55 femminicidi dall'inizio dell'anno 3

Grande risalto è stato dato nelle celebrazioni della Festa della Repubblica ai 70 anni di voto alle donne. Eppure nel 2016 finora 55 di loro sono morte vittime della violenza maschile. Pertanto l'associazione "Volontarie Telefono Rosa Piemonte" ha diffuso una nota per stemperare un po' i toni di celebrazione e ricordare che c'è ancora molto da fare sul lato dell'educazione a una pari dignità uomo-donna,

Ecco il testo del messaggio

2 giugno. Festa della Repubblica e 70 anni di diritto di voto per le donne. 55 delle quali, nel solo 2016, non hanno più alcun diritto: non solo quello di voto, ma alla vita stessa, il bene supremo di ogni essere umano. Non hanno più alcun diritto perché annullate dalla violenza maschile. A Sara e a tutte le tantissime altre va il nostro pensiero, concretamente concentrato a contribuire alle azioni indispensabili perché questa e tutte le altre morti non siano la tomba anche della civiltà e del diritto. Lo Stato che oggi è in festa non deve dimenticare che la violenza è una scelta, come realizzare un'agguato attrezzati con un flacone di liquido infiammabile da usare sul corpo di una donna. Lo Stato in festa non mostri indulgenze fuori luogo. La giustizia non è il giustizialismo, è il luogo del pieno diritto. Non possiamo ammettere che le donne vengano uccise, maltrattate, devastate nel corpo e nella mente in spregio dei più elementari diritti umani sostanziali, e con la prevalenza dei diritti processuali del reo su quelli della persona offesa. Ogni forma di violenza contro le donne, fino al femminicidio, ha radici e significati culturali, storici e relazionali da contrastare e prevenire anche con la convinzione che nessuna scusante può essere riconosciuta all'uomo che cancella, insieme ai diritti, persino la vita stessa di una donna.

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport