DON LUIGI: domenica a Rongio festa e inaugurazione "Via del Paradiso"

Stampa Home
Articolo pubblicato il 01/09/2016 alle ore 17:59.
DON LUIGI: domenica a Rongio festa e inaugurazione "Via del Paradiso" 3
Nelle foto, don Luigi Longhi, la scultura di Mirta Carroli e la mappa del percorso

Inizialmente alla frazione Molin Camillo di Rongio, una delle sedi della comunità Don Luigi Longhi dell'Aravecchia sorse una via crucis monumentale, parliamo ancora del secolo scorso, ma poi è nato un nuovo percorso di grande scultura contemporanea “La via del Paradiso” e nel segno del Paradiso, dunque, e nel nome di don Luigi, domenica 4 settembre ci sarà un “Incontro di fine estate”, promosso dall'associazione intitolata al sacerdote.
Questo il programma, alle ore 11,15 santa messa presso l'anfiteatro, alle 12,30 il grande “Pranzo dell'amicizia” che vedrà riuniti tutti i “figli” del mitico prete, alle 14,30 un momento di festa e musica con l'esibizione del coro “Melody Rock” di Santhià e infine, ore 16,30 la solenne inaugurazione di nuove acquisizioni nel percorso della “Via del Paradiso”, progetto a cura di Carla Crosio. Un grande “campo di scultura” contemporanea nato nel 2002 su impulso di don Luigi che è sempre stato molto attento al linguaggio dell'arte e cresciuto negli anni. Ospita Opere dei seguenti artisti. Carla Crorsio (che ha firmato “Fiore del paradiso”, “Ecco il segno”, “Mutazione genetica”, “Virus atomici”, “Frutto proibito”, Ornella Rovera (“Graffito”, “Stupa”), Gigi Conti (“Airon”), Malek Pansera (“Cottimo ore 187”), Ulrich Johannes Mueller (“Characters”), Angelo Masaracchia (“Stella”), Mirta Carroli (“La grande porta”), Paola Zorzi (“Esperienze operaie condivise”), Elisabetta Pagani (“Ri-nascere”), Luca Marovino (“Noi, due”). Due le opere a più mani “Il viaggio” di Cristiano Donati ed Enrico Raineri, “Janua” di Carla Crosio, Diego Pasqualin e Beatrice Vecchio e persino due sculture di artista ignoto. Ognuna a modo suo racconta di vite difficili ma ostinate, di passaggi di dolore e infine di una strada ritrovata, verso il Paradiso o anche solo verso l'accettazione di se stessi. La “Via”, per la quale è stato redatto un catalogo, è stata realizzata dalla collaborazione e dall'incontro del Comune di Masserano, Associazione don Luigi dell'Aravecchia, Coop “Don Luigi” e StudioDieci. Progetto curato da Carla Crosio, direzione lavori di Anna Ansaldi, testi critici in catalogo di Rolando Bellini e Diego Pasqualin, fotografie di Giò Gagliano, progetto grafico del catalogo di Emanuela Stefani, Citato anche il volontario Marco Ducco che ha aiutato nella posa delle opere.

 

DON LUIGI: domenica a Rongio festa e inaugurazione
DON LUIGI: domenica a Rongio festa e inaugurazione

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport