DA NON PERDERE: Rari reperti romani in mostra

Stampa Home
Articolo pubblicato il 21/10/2016 alle ore 19:19.
DA NON PERDERE: Rari reperti romani in mostra 3
Nelle foto alcuni reperti in mostra e Dario Gaviglio

Reperti archeologici molto interessanti e assai poco visti, ci sono quindi dei buoni motivi per visitare l'esposizione allestita dal Centro Studi Vercellae in un locale sotto i portici di piazza Cavour, al civico 20, poco prima del bar e dell'ingresso in via dei Mercati. Si potrà fare ancora per pochi giorni il martedì, giovedì, venerdì e sabato, fino al 29 ottobre. Dario Gaviglio è lì per deliziarvi sui mille dettagli e le mille storie che si celano dietro gli oggetti. Un esempio? Un piccolo e misterioso aggeggio, parzialmente danneggiato che si infila nelle dita, ma che nessuno aveva capito a che serviva. "Lo usavano gli arcieri romani - spiega  l'archeologo - c'era un altro aggancio per la corda dell'arco e così potevano tenderla senza scorticarsi le dita". Infatti nel corso di una battaglia dovevano scagliare decine di frecce in tempi ravvicinati e quello strumentino era importante in quei casi. Da questo rittovamento si può dedurre che nella zona ci fu una grande battaglia campale... Tante le sorprese che vi attendono e i racconti di un passato che, per Vercelli, è stato certo più importante del nostro presente... Da vedere anche vasi di grande importanza, ancora con i sigilli della fabbrica, pezzi in vetro deliziosi come unguentari, statuite, amuleti di vario tipo. Consigliabile anche una libera offerta perché Gaviglio e i suoi fanno molto per salvare il nostro passato e meritano un cenno di riscontro anche per questa fatica. Sono solo una minima parte della loro collezione, tutti naturalmente detenuti legalmente... e non è tanto per dire, perché se dietro a ogni oggettino c'è la Storia, quella vera, vi sono anche le storie delle infinite trafile burocratiche che i Gaviglio devono affrontare ogni volta tra sequestri, dissequestri, carte bollate e avvocati.

L'orario di visita della mostra è dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19.

DA NON PERDERE: Rari reperti romani in mostra 4

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport