CRONACA: rubano al Carrefour, arrestati da un carabiniere fuori servizio

Stampa Home
Articolo pubblicato il 09/11/2016 alle ore 12:54.
CRONACA: rubano al Carrefour, arrestati da un  carabiniere fuori servizio 3
Immagine di repertorio

Il 04 novembre, alle ore 18:00, in Vercelli, un militare della Stazione Carabinieri di Borgo Vercelli, libero dal servizio, coadiuvato dai militari dell’Aliquota Radiomobile del N.O.R. e dai colleghi della Stazione Carabinieri di Vercelli, arrestavano C.D. 42enne e D.M. 49enne, cittadini rumeni, entrambi in Italia senza fissa dimora e gravati da pregiudizi penali per reati contro il patrimonio, perché responsabili, in concorso tra loro e con K.S. 39enne, cittadino ucraino in Italia senza fissa dimora, incensurato, contestualmente denunciato in stato di libertà, di furto aggravato di generi alimentari. Alle 15:30 circa, il militare della Stazione di Borgo Vercelli, libero dal servizio, transitando con la propria autovettura nel parcheggio del centro commerciale “Carrefour”, sito in questa tangenziale sud, notava che un uomo, uscito di corsa dal supermercato, dopo aver nascosto sotto un’autovettura un giubbotto di colore nero, aveva iniziato ad utilizzare il cellulare. Insospettito, il militare si qualificava mostrando la propria tessera di riconoscimento ma l’uomo si dava alla fuga salendo a bordo di un’autovettura in transito che si allontanava velocemente verso l’uscita del parcheggio. Quindi il militare, informato da un addetto alla sicurezza del centro commerciale che quell’uomo aveva perpetrato un furto, si poneva all’inseguimento dei fuggitivi con la propria autovettura, riuscendo a raggiungerli, a bloccarli tagliando loro la strada e ad immobilizzarli in attesa dell’arrivo dei rinforzi che aveva già telefonicamente richiesto alla Centrale Operativa. Pochi istanti dopo giungevano i militari dell’Aliquota Radiomobile del N.O.R. e della locale Stazione che, dopo aver perquisito i tre fermati, recuperavano la refurtiva, occultata sia nel bagagliaio sia all’interno della medesima vettura, costituita da vari generi alimentari non di prima necessità per un valore complessivo di 492,00 euro, successivamente restituita all’avente diritto. La ricostruzione della dinamica dell’evento permetteva infine di appurare che K.S. si era limitato a distrarre l’addetto al servizio di sicurezza chiedendogli alcune informazioni.  Gli arrestati, espletate le formalità di rito, venivano trattenuti presso le camere di sicurezza della Stazione Carabinieri di Vercelli, in attesa del rito direttissimo celebrato la mattina successiva, a seguito del quale i predetti patteggiavano la pena di 6 mesi e venivano rimessi in libertà.

 

 

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport