CONSOLATA: 49 anni di galera bastano?

Stampa Home
Articolo pubblicato il 09/09/2016 alle ore 16:02.
CONSOLATA: 49 anni di galera bastano? 2
Una delle immagini delle violenze

Diciotto colpevoli su diciotto imputati e un totale di 49 anni di pena, con condanne che variano da un minimo di un anno e mezzo a un massimo di 4 anni e 8 mesi. Questa la sintesi delle sentenze emesse ieri dal Gup di Vercelli a carico degli operatori dell'istituto della Consolata di Borgo d'Ale, colpevoli di almeno 300 episodi di maltrattamenti, umiliazioni e botte agli ospiti disabili. Si è titolato nei vari giornali come se fosse una sentenza esemplare, ma si dimentica che probabilmente solo chi ha avuto più di 3 anni di pena può finire in prigione con molti forse. E gli altri? In più siamo certi che queste persone non saranno mai più, dicasi mai più, ammesse a lavorare con gli anziani?

Come si ricorderà, il caso era emerso a febbraio 2016, quando scattò il blitz delle forze dell'ordine che mise in galera una ventina di persone a vario titolo coinvolte nei maltrattamenti. Furono anche resi pubblici alcuni video choccanti, dove si vedevano gli operatori umiliare e picchiare gli ospiti indifesi, tutti disabili psichiatrici. Alla fine 18 persone tra infermiere, operatrici socio-sanitarie ed educatori sono finiti alla sbarra ieri, avendo scelto il patteggiamento o il rito abbreviato, mentre altre tre hanno scelto di difendersi nel dibattimento.

Ma vediamo nel dettaglio le condanne emesse ieri. Sette imputati hanno chiesto il rito abbreviato ma non hanno patteggiato, queste le condanne: 4 anni e 8 mesi a Maddalena Concu, 4 anni e 6 mesi per Wieslaw Wlodzimier Winkler, 4 anni per Mariella Agnello, 3 anni a Marta Barbieri, 2 anni e 8 mesi a Simona Otilia Blegu, 2 anni a Giovannino Dongu (pena sospesa condannato non per maltrattamenti ma per "sequestro di persona" e "abbandono di incapace"), 1 anno e 6 mesi per Barbara Gasparini (che ha avuto la pena sospesa ed è stata assolta per il reato di maltrattamento, condannata per abbandono di incapace). Concu, Winkler e Agnello sono anche stati interdetti per 5 anni dai pubblici uffici, Barbieri solo parzialmente.

Ecco invece la lista di coloro che hanno "patteggiato": Annik Sigard, 4 anni e interdizione per 5 anni dai pubblici uffici, Silvia Modica 3 anni, Mario Solinas a 2 anni e 10 mesi ed ha risarcito in parte il danno, Carmela Catalano a 2 anni e 10 mesi, Valbona Bacova a 2 anni e 8 mesi, Sara Zorzetto a 2 anni e 6 mesi, Franca Ricco, anche lei a 2 anni e 6 mesi,  Susanna Maffeo a 1 anno e 10 mesi, Angelo Cillo 1 anno e 6 mesi, con pena sospesa, Karina Gibaja Ormachea a 1 anno e 6 mesi (pena sospesa), Patrizia Brunero 1 anno e 6 mesi, Stralciata e rinviata a dibattimento la posizione di Maria Luzmeri Romero Tello. Soddisfazione espressa dalla Procura, in quanto il giudice ha applicato pene più severe di quelle chieste dall'accusa. Tredici parti civili costituite a "Sereni Orizzonti" ma alla quale non è stato riconsciuto il danno.
Le sentenze si rispettano sempre e certamente non vogliamo criticare il verdetto che è stato emesso nel rispetto delle Leggi, con le pene massime previste. Resta da capire se è peggio rapinare una banca senza ferire nessuno, la cui pena minima è di 4 anni, oppure umiliare per mesi anziani e disabili. Magari ci sbagliamo noi.

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport