Cinque denunce per la rissa al Factory

Stampa Home
Articolo pubblicato il 06/05/2016 alle ore 14:05.
Cinque denunce per la rissa al Factory 2
L'intervento della polizia alla rissa

Denunciate cinque persone dalla Polizia di Stato per la rissa, finita con ferimento, della notte del 24 aprile in area Montefibre, di cui avevamo per primi dato notizia, gli agenti della Questura, dopo lunghe ed articolate indagini, hanno denunciato in stato di libertà cinque persone. La ricostruzione dei convulsi momenti è stata possibile grazie agli elementi raccolti nell’immediatezza dei fatti dal personale in servizio presso la Squadra Volante, nonchè alle testimonianze raccolte dagli operatori della Squadra Mobile, che, con un’attività d’indagine capillare, sono riusciti a ricostruire con precisione come si erano svolti i fatti.
Tutto ha inizio intorno alle 05:30 del mattino quando un ragazzo italiano G.Y., classe 91, che si trovava nel locale in compagnia della sua ragazza, per futili motivi, viene colpito con due pugni al volto da un giovane albanese, S.Y., classe 91. Tale gesto non passava inosservato a V.S., classe 77, cittadino italiano che, non appena ha avuto a tiro l’aggressore del suo amico-conoscente, nei pressi della pista da ballo, lo ha colpito sferrandogli un violento pugno al volto, e facendolo così cadere a terra privo di sensi. La reazione ha poi scatenato l’intervento degli amici dell’ albanese che in tre (si tratta di: X.K, classe 90, albanese; B.G., classe 91, albanese; B.E., classe 93, albanese; questi ultimi due fratelli) si sono scagliati contro V.S., colpendolo con violenti calci e pugni al volto, causandogli lesioni giudicate guaribili in giorni 10.
Per tali motivi, eccezion fatta per il primo soggetto aggredito, gli altri 5 dovranno ora rispondere del reato di rissa aggravata; inoltre, quattro di loro vantano, a vario titolo, già precedenti penali per reati contro la persona, contro il patrimonio o in materia di stupefacenti.
Tutti i protagonisti della vicenda sono residenti a Vercelli.

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport