CINGHIALI - La Lac: "Le mega battute li faranno aumentare"

Stampa Home
Articolo pubblicato il 27/01/2017 alle ore 13:10.
CINGHIALI - La Lac: "Le mega battute li faranno aumentare" 4
CINGHIALI - La Lac: "Le mega battute li faranno aumentare" 4

Nuova presa di posizione sulle battute di caccia al cinghiale organizzare nell'area di Borgo d'Ale ora è la Lega per l'Abolizione dalla Caccia a scendere in campo. Una nuova campagna di abbattimenti è prevosta per domenica 29 gennaio e secondo quanto comunicato dalla Lac gli organizzatori hanno chiesto al comune di Borgo d’Ale di disporre la chiusura, dalle 9 alle 13, del traffico veicolare e pedonale in tutte le strade comunali e vicinali nella zona collinare. «E’ bene far capire alla gente - dice Teodolinda Filippini, responsabile Lac sezione di Vercelli  - che questo tipo di abbattimento anziché ridurre la popolazione dei cinghiali ne aumenta il numero. Basti pensare che 30 anni fa il cinghiale in Italia non era in sovrannumero e gli esemplari oggi presenti nel nostro territorio non sono autoctoni, ma per lo più ibridi di dimensioni maggiori rispetto al cinghiale di una volta e molto più prolifici».

Secondo l'associazione la responsabilità di tutto questo è da imputarsi ad immissioni autorizzate e clandestine a scopo venatorio. «Nel 2015 la Lac - spiegano gli anti caccia - ha organizzato un convegno ad Asti, dove si è discusso ampiamente sulle soluzioni per contenere la popolazione dei cinghiali. Nel corso del convegno Carlo Consiglio, professore di zoologia alla Sapienza di Roma, ha precisato che “l’aumento dei cinghiali è stato favorito dal rilascio a scopo venatorio[…]e la caccia dei cinghiali, lungi dal ridurre la grandezza della popolazione ed i danni arrecati, causa invece la rottura del meccanismo di sincronizzazione dell’estro e quindi l’anticipo della maturità sessuale, la comparsa di un secondo periodo riproduttivo”. In altre parole l’aumento della popolazione».

«Il tipo di caccia scelto, la braccata con cani a seguito, - afferma Filippini - crea una destrutturazione delle popolazioni, caratterizzate da elevate percentuali di esemplari giovani che causano maggiori danni alle colture. Per difendersi poi, il cinghiale scappa allontanandosi fino a 20 km allargando così  il proprio campo d’azione spostandosi magari da zone boschive a zone coltivate>>. Che soluzioni adottare quindi? <

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport