CINGHIALI KILLER: in aumento gli incidenti stradali anche mortali

Stampa Home
Articolo pubblicato il 11/10/2016 alle ore 16:40.
CINGHIALI KILLER: in aumento gli incidenti stradali anche mortali 3
Immagine d'archivio

La presenza dei cinghiali sul territorio ha ormai assunto proporzioni tali da essere definita un'emergenza. A segnalarlo è Paolo Dellarole, presidente di Coldiretti Vercellli-Biella. La problematica, per la verità riguarda più il Biellese ed eventualmente la Valsesia zone comunque molto frequentate dai vercellesi. L'allarme maggiore riguarda gli incidenti stradali. Domenica 9 ottobre un motociclista, sempre nel Biellese, si è scontrato con un esemplare, se l'eè cavata, mentre a metà settembre nel Pavese ci fu uno schianto mortale per la presenza di un cinghiale su una strada. E, nei giorni scorsi, un cinghiale è stato addirittura avvistato nel centro di Torino, in via Nizza.

“L’agricoltura ora dice basta. Ma non solo: sono a rischio – ed è sempre più evidente – l’incolumità pubblica e la sicurezza dei cittadini. Non c’è più tempo da perdere. Bisogna intervenire e con piani radicali di contenimento di questi animali, altrimenti la situazione può solo peggiorare” afferma Paolo Dellarole.

Nel giro di dieci anni in Italia – stima la Coldiretti - i cinghiali sono raddoppiati, superando il livello record di un milione di esemplari, a livello nazionale, mettendo a rischio non solo le produzioni made in Italy e l’assetto idrogeologico del territorio. Nel 2015 in Italia - denuncia la Coldiretti - ci sono stati 18 morti e 145 feriti per incidenti stradali causati dagli animali. Senza contare i danni sempre più gravi alle coltivazioni.

 “La situazione si sta facendo sempre più grave – prosegue Dellarole – sia dal punto di vista economico sia sul fronte della sicurezza stradale. In seguito a questi ultimi episodi, è urgente intervenire con strumenti legislativi che diano la possibilità di difendersi in modo adeguato. Come rilevato da Coldiretti a livello regionale, è infatti fondamentale mettere in campo al più presto azioni e normative che consentano una reale possibilità di limitare il numero dei capi.

Prevedere solo i risarcimenti sicuramente non basta vista ormai la grave situazione generata dalla abnorme presenza di ungulati.

Altrimenti, come abbiamo visto, a farne le spese è l’intera società poiché questa situazione è sì insostenibile per le imprese, ma ormai il rischio per la collettività è estremamente elevato”.

I danni, ogni stagione, ammontano nelle nostre province a decine di migliaia di euro e i pagamenti della Regione accumulano ritardi di anni.

La situazione è chiaramente insostenibile, in quanto alle invasioni degli ungulati fa seguito la necessità di ripetute risemine o, addirittura, l’impossibilità di effettuare i raccolti. Nel caso di imprese zootecniche, poi, il problema si ripercuote a catena, aggiungendo danno al danno quando gli allevatori si trovano costretti ad acquistare esternamente – e a maggior prezzo – il mais o il fieno per l’alimentazione del bestiame. Il direttore di Coldiretti Vercelli Biella Maria Lucia Benedetti sottolinea come l’equilibrio naturale “non possa prescindere dal ruolo, importante e strategico, delle colture agricole e nemmeno può permettere che una specie, peraltro non autoctona, diventi insostenibilmente invasiva. Le imprese agricole sono fortemente preoccupate e, con loro, gli stessi cittadini, anche per i problemi di sicurezza legati alla presenza della fauna selvatica”.

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport