Cena al buio del Rotaract per l'Unione Ciechi

Stampa Home
Articolo pubblicato il 14/03/2017 alle ore 18:19.
Cena al buio del Rotaract per l'Unione Ciechi 3
Cena al buio del Rotaract per l'Unione Ciechi 3

Nell’ambito delle attività promosse dall’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti di Vercelli allo scopo di sensibilizzare le persone riguardo la cecità, promuovendo in questo modo anche la cultura della prevenzione, le "Cene al Buio" hanno da sempre rivestito un ruolo particolare e importante. Attraverso il piacere di stare a tavola, si vedonole difficoltà cui devono fare fronte i ciechi anche nei gesti e nelle abitudini più quotidiane e naturali.
Nella serata di venerdì 3 marzo, i giovani del Rotaract hanno raccolto la sfida di cenare bendati organizzando alla Cascina Rantiva; scopo dell’iniziativa era la raccolta di fondi in favore del Centro di Riabilitazione Visiva che l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti di Vercelli gestisce in convenzione con l’ASL VC. Per il Centro, hanno preso parte alla serata, il Coordinatore, Luigi Cerruti e Andrea Mazzone, ortottista, che hanno così potuto presentare le attività che vengono svolte presso la struttura e le molteplici iniziative in essere. Al termine della cena, i partecipanti che hanno dimostrato soddisfazione e apprezzamento, hanno consegnato il contributo per la messa in funzione dell’Autorefrattometro, strumento in dotazione al Centro utile per la misurazione oggettiva del difetto visivo. Il Presidente dell’Unione Italiana Ciechi, Maria Paola Vaccino, e il Consiglio direttivo ringraziano sentitamente Giulia Bosso, Presidente Rotaract e gli esponenti del Rotaract per il contributo, nonché per la sensibilità e l’attenzione alle tematiche proposte.

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport