Baccanale: questa sera il via

Stampa Home
Articolo pubblicato il 21/07/2016 alle ore 14:45.
Baccanale: questa sera il via 3
Nella foto una tavolata dell'edizione 2015 e Paolo Dattrino presidente del Comitato

Oggi, giovedì 21 luglio, comincia il Baccanale di Asigliano. Si comincia alle 19,30 con l'apertura del padiglione gastronomico e una serata gastronomica nel segno della Panissa, con una tappa del Campionato Mondiale con degustazione, che vedrà sfidarsi ideranno: Desana, Santhià (“Rubinet”) e Caresana (“Locanda 1263”). La proclamazione del vincitore alle ore 23, dalle 22, però, serata danzante con l'orchestra "Doriano polvere di stelle".

In omaggio al Comitato Folkloristico Asiglianese che organizza per il 15esimo anno la kermesse ecco l'intervista a Paolo Dattrino, già pubblicata dal giornale.

«Ogni anno cerchiamo di accontentare i gusti del nostro pubblico». Detta così sembra una frase di circostanza, ma non lo è, Paolo Dattrino, presidentissimo del «Comitato Folkloristico Asiglianese», vuole dire che nel progettare il «Baccanale» al primo posto ci sono sempre le richieste che la gente fa, più o meno esplicitamente. «In un momento di crisi - continua - avremmo magari, ad esempio, potuto tagliare i fuochi artificiali... ma noi sappiamo che tale evento è molto atteso e senza sarebbe una festa meno gioiosa...».
La base della sagra rimane comunque la cucina. «Dato che lo scopo per cui facciamo queste iniziative è la promozione del nostro territorio - spiega Dattrino - ecco che il riso e i piatti tipici hanno una notevole importanza, ogni sera un risotto diverso! Da segnalare la collaborazione con “Le città del riso”, per la tappa del “Campionato del Mondo di Panissa”, con il presidente del sodalizio Gian Mario Ferraris abbiamo un ottimo feeling, proprio nell’ottica di collaborazione che noi sposiamo in pieno. Insieme si fa molto e ci si migliora di volta in volta, al capitolo collaborazioni posso citare le apprezzate partecipazioni del nostro Comitato alla “Fattoria in città” di Vercelli e alla recente festa della musica di Fontanetto Po».
Come già è stato per la Patronale anche in questo caso il fulcro operativo sarà il complesso Polifunzionale. «La cucina è fissa, nuovissima e attrezzata di tutto punto, con fornelli elettrici. Una caratteristica che migliora la cottura dei cibi e garantisce la massima sicurezza dell’impianto. Non abbiamo assolutamente nulla da invidiare a un ristorante... con tutto il rispetto per chi vive di questa professione. Comunque il “Baccanale” deve essere una vera sagra e, dunque, i tavoli saranno all’aperto nel parco comunale, dove sarà effettuato il trattamento anti zanzare; pronti a ripiegare sul Polifunzionale solo in caso di maltempo. Chiudo il capitolo cucina ricordando che offriamo un menu davvero completo, con ampia possibilità di scelta, c’è persino la pizzeria. A livello gastronomico siamo quindi veramente al top! Non lo dico io... ce lo riconoscono i nostri amici, che ogni anno tornano proprio perché sono stati trattati coi guanti. Del resto noi concentriamo tutto sulla ristorazione, è da lì che vengono le risorse per l’organizzazione, così possiamo offrire gratuitamente le serate di spettacolo, che sono di grandissimo livello. Abbiamo confermato “Shary Band”, che piace sempre molto, ma ci sono anche altre orchestre pazzesche come gli “Explosion”. Di sicuro gradimento, e fondamentale, è anche il luna park per i più piccoli».
Tornando al capitolo collaborazioni e partecipazioni c’è molto da aggiungere. «Prima di tutto la sinergia e la stretta collaborazione con il Comune - sottolinea Dattrino - l’amministrazione, ad esempio, ha disposto una pattuglia notturna che dalle 19 all’una di notte vigilerà sul paese, visto che molti lasceranno le case per venire da noi. Mi fa molto piacere poi la presenza della “Croce Blu”, con la sua ambulanza, a disposizione per ogni evenienza, avremo anche i volontari vercellesi di “Radio Victor Charlie”. Sempre per quel discorso di promozione territoriale avremo il mercatino con diverse bancarelle, notiamo con piacere che varie aziende come assicurazioni Generali e Beta Impianti hanno chiesto di esserci. Il mio grazie più grande va però agli oltre cento volontari che si impegneranno per la riuscita della manifestazione, andiamo dai ragazzini di 6-7 anni in su, con preponderanza di giovani e, quando ci sono i giovani, significa che il gradimento è davvero alto».
Il segreto del successo?
«In 15 anni di Baccanale non abbiamo mai ritenuto di essere arrivati! C’è sempre da imparare e noi lo facciamo girando tantissime sagre, anche minori, perché lo spunto valido lo trovi davvero ovunque. Poi c’è il duro lavoro, già da settimane siamo in “pista”, c’è tutta una complessa burocrazia da seguire, la comunicazione, la stampa dei volantini e dei manifesti... non trascuriamo nessun dettaglio».
Prossimi appuntamenti?
«In autunno punteremo molto sulla partecipazione alla “Festa dell’Uva” di Casale Monferrato, al momento abbiamo in testa solo gli ultimi preparativi del Baccanale dove vi aspettiamo numerosi, anche da Vercelli e altri paesi del territorio».

Il MENU' FISSO DELLA SAGRA

Molto ricco il menù a disposizione del pubblico per il “Baccanale”. Ogni serata è possibile scegliere davvero di tutto.
Antipasti: salame, bruschetta, bistecca in carpione, lingua in salsa verde, peperoni in bagna cauda. Primi: gnocchi con birra e salsiccia, panissa, agnolotti, penne.
Secondi: fritto di calamari, stufato d’asino, salamelle, lumache in umido, grigliata mista di carne, hamburgher di Chianina con patatine, bistecca alla milanese.
Contorni: patatine fritte, vedure grigliate.
Infine i dolci che prevedono un dolce con i famosi biscotti “Asianot” e lo zabaione, torte assortite e profiteroles.
Ricordiamo che è allestita anche la pizzeria, per chi vuole tenersi un po’ più leggero. C’è dunque solo l’imbarazzo della scelta.
Sempre attivo il bar che propone cocktails da sogno!

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport