ASIGLIANO: Nasce "Il dazio è tratto"

Stampa Home
Articolo pubblicato il 06/06/2017 alle ore 18:47.
ASIGLIANO: Nasce "Il dazio è tratto" 3
ASIGLIANO: Nasce "Il dazio è tratto" 3

A distanza di quasi tre mesi dal primo, storico, incontro, #ildazioètratto diventa associazione. La notizia è stata comunicata nei giorni scorsi da Piero Actis, Piero Mentasti e Margherita Tomatis. Intanto, in fondo al post, diamo anche conto di cosa ne pensa in proposito Mirko Busto, deputato del Movimento 5 Stelle.

«Il prossimo 6 giugno ci ritroveremo presso il Salone Polifunzionale di Asigliano per ufficializzare il tutto, anche con lo Statuto – affermano due tra i maggiori artefici di questo sodalizio - In questo periodo abbiamo dato voce a 5 gruppi, tra Whatsapp e su Facebook. Vi è stata così la possibilità di interfacciarsi su tante problematiche legate alla drammaticità del Mercato Risicolo, abbiamo speso tante energie mentali e fisiche, ma abbiamo portato una voce nuova, a 360°, nel mondo del riso».
Aggiungono Actis e Mentasti: «Si poteva magari fare meglio, magari di più ma vi assicuriamo che ce l’abbiamo messa tutta, e il nostro impegno crescerà ancora, per cercare di trovare soluzioni atte alla sopravvivenza delle aziende risicole italiane».
Alla serata di Asigliano, che inizierà alle 21, sono stati invitati anche componenti della filiera con le quali #ildazioètratto si è scontrato anche duramente in questi mesi. Basta citare, a titolo di esempio, che l'invito è stato esteso a Ente Risi, Coldiretti, Confagricoltura, Airi (Associazione Industrie Risiere Italiane), Cia (Confederazione Italiana Agricoltori).  E, ancora, i mediatori, le aziende sementiere, i commercianti.
«Questo per far sentire al tutti i partecipanti – affermano i due – le rispettive posizioni». All'evento sarà presente anche l'assessore regionale all'Agricoltura, Giorgio Ferrero. Per ciò che riguarda l'associazione, la quota di iscrizione è stata fissata in 30 euro annuali.

Questo il pensiero dell'onorevole Mirko Busto:

«Come M5S sosteniamo e plaudiamo la nascita dell'associazione “Il dazio è tratto”. La vicenda del nostro riso dimostra ancora una volta la follia di un sistema che pretende di farci competere su un mercato internazionale non curandosi affatto di stabilire un quadro comune in cui operare. L'introduzione di un dazio rappresenta semplicemente il ripristino del buon senso: ovvero riconoscere che, a livello internazionale, non esistono condizioni di tutela del lavoro e dell'ambiente omogenee e che quindi la competizione avviene su basi falsate e, per noi, assai sfavorevoli. 

Tuttavia appare evidente che l'Unione Europea stia seguendo una strada decisamente opposta al buon senso: la mentalità ultra liberista degli accordi di libero scambio. Tra di questi ricordiamo il CETA, l'accordo tra Europa e Canada presto al voto nel parlamento italiano nell'indifferenza dei media. L'ennesimo vero e proprio regalo per le grandi lobby dell’alimentare che rischia di colpire ancora con più forza il vero Made in Italy.

 Noi del M5S su questo tema, a livello europeo e nazionale, continuiamo la nostra lotta al fianco dei risicoltori per la tutela del riso e delle imprese italiane. Questa è una battaglia da compiere compatti su più fronti ai diversi livelli per raggiungere l'obiettivo deciso di cambiare la fallimentare visione politica Europea.

A supporto di questa battaglia sono fondamentali le azioni parlamentari - come gli atti presentati in Parlamento a firma Busto sull'introduzione di dazi e sulla tutela del riso italiano - e locali - come le proposte sull'etichettatura del nostro consigliere regionale Andrissi.

Ma i molti passi da fare vanno concordati e indirizzati all'UE, dove seguono la questione i nostri europarlamentari Beghin e Zullo.

Dobbiamo uscire dall'incubo di una UE che vorrebbe costringerci ad una competizione a ribasso nei diritti e nella qualità. Corriamo il rischio di vedere perduto un settore agricolo che ha saputo innovarsi e puntare sulla qualità e che andrebbe invece aiutato a raggiungere nuovi livelli di eccellenza».

 

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport