Il trinese Simone Costanzo sul tetto d’Italia del judo

Stampa Home
Articolo pubblicato il 29/11/2016 alle ore 20:29.
Il trinese Simone Costanzo sul tetto d’Italia del judo 2
A destra Simone Costanzo a sinistra mentre festeggia con i compagni

Domenica 27 novembre presso il palazzetto dello sport di Monza si sono svolti i campionati italiani a squadre di Judo, Categoria Cadetti maschili e femminili. Alla manifestazione era presente anche l’atleta trinese Simone Costanzo a difendere i colori della propria società l’Akiyama di Settimo T.se, anche se non in ottime condizioni fisiche vista la sosta forzata di quasi due mesi dovuta ad un fastidioso infortunio alla spalla. Nella mattinata si sono svolte le eliminatorie della serie A2 tra 25 squadre provenienti da tutta italia pronte a darsi battaglia per arrivare alla vittoria finale e poter partecipare nel pomeriggio con le 8 squadre della serie A1, alla fase finale per poter diventare campioni italiani assoluti. L’Akiyama era testa di serie n. 1, essendo campione in carica con il titolo conquistato a Trento nel 2015, ha incontrato al primo turno la società vincitrice della serie A2, l’Ok Judo Arezzo. Nonostante i toscani avessero appena vinto il titolo nella serie minore, sono stati sconfitti per 5 a 0 dai torinesi, evidenziando un divario tecnico notevole. In semifinale l'Akiyama ha incontrato la squadra del Judo Kumiai di Druento in un incontro tutto piemontese conclusosi con la vittoria di Simone e compagni per 3 a 2, con tante emozioni, come quando si gioca un derby con in palio la finale. Finale che i piemontesi  sono andati a giocarsi contro la forte formazione di Parma. L'Akiyama, forte del fatto di avere alla sedia un tecnico esperto come Pierangelo Toniolo con una gara accorta e gestita tatticamente in modo impeccabile portava a casa i primi 3 incontri facendo esplodere di gioia tutti i sostenitori arrivati a sostenere i ragazzi. Nonostante  il cambiamento di 5/10 della formazione che ha vinto il titolo lo scorso anno, anche quest’anno Simone e compagni hanno dimostrato a tutta l’Italia che sono ancora loro i re incontrastati della categoria. Giornata che si è conclusa nel migliore dei modi con la conquista del titolo anche da parte della formazione femminile, che ha migliorato il 3° posto dello scorso anno. Per quanto riguarda Simone, vincere 2 titoli assoluti a squadre per 2 anni consecutivi non è da poco e questo è il primo importante  successo della stagione agonistica, che lo vedrà tra un mese, con l’inizio del nuovo anno, passare nella categoria junior con atleti più vecchi di 2 anni e dove proverà fin da subito fare esperienza per raggiungere nel prosieguo, altri importanti risultati sportivi. La squadra era composta da: Costanzo – Pellegrino (55 kg.); Carlino – Cuniberti (60 kg.); Rubeca – Mella (66 kg.); Serrami – Bacchetta (73 kg.); Facciolongo - Storto (+73 kg.).

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport